progetto di riqualificazione
Data 26/05/03
Argomento Succede in Franciacorta


Presentato il progetto di riqualificazione della zona tra Iseo e Cortefranca

L’Area delle Polle, esempio pilota per tutta la provincia

Il recupero ambientale di un’area di 30 ettari con torbiere e l’apertura della restaurata cascina Clarabella, a margine di un laghetto e di un vigneto, dove opererà una comunità protetta per malati di mente, sono i due obiettivi del progetto di riqualificazione ambientale “Area delle Polle”, presentato ieri Giovedì 22 maggio 2003 ad Iseo (BS).

Il progetto, che si colloca nell’iniziativa comunitaria “Equal – luoghi della qualità sociale”, è stato illustrato dai Sindaci dei Comuni di Iseo e di Cortefranca, dott. Marco Ghitti e dott. Pasquale Pelli, sui cui territori insistono le aree soggette a riqualificazione, dall’Assessore della Comunità Montana del Sebino Bresciano dott. Diego Invernici, dal responsabile del dipartimento salute mentale dell’ospedale “Mellino Mellini” di Chiari, Domenico Castronuovo, che curerà la parte riabilitativa ed assistenziale e dal presidente della cooperativa sociale-agricola Isparo, Claudio Vavassori, che gestirà la Cascina Clarabella, con un modello di sviluppo dell’economia locale attraverso l’inserimento nel circuito del lavoro di persone disagiate.



Alla presentazione del progetto sono intervenuti anche: l’On. Daniele Molgora, sottosegretario all’economia ed alle finanze, il Presidente dell’Amministrazione provinciale di Brescia Alberto Cavalli, l’Assessore provinciale Enzo Cossu, gli Assessori regionali Franco Nicoli Cristiani e Mario Scotti, il Direttore dell’Azienda sanitaria di Chiari, dott. Gabriele Tonini, l’arch. Pier Franco Rossetti che ha presentato il gruppo di lavoro per la realizzazione del progetto, i partner transazionali portoghesi e francesi.



I lavori sono stati coordinati dal prof. Angelo Franceschetti, ViceDirettore del Giornale di Brescia.



Intervenendo alla presentazione del progetto gli assessori regionali alla Qualità dell’Ambiente, Franco Nicoli Cristiani, ed al Commercio, Mario Scotti, hanno voluto ringraziare tutti gli operatori di questa importante iniziativa che diventerà uno dei tasselli lombardi di Equal, il programma comunitario che ha in Lombardia circa 30 partnership di sviluppo.



“Sussidiarietà e solidarietà territoriali sono i principi che la Lombardia ha attivato per portare a termine questi progetti - hanno ribadito gli assessori regionali – che si inseriscono anche nel contesto di “Agenda 21” con la partecipazione delle realtà locali, Comuni, Comunità Montana e la provincia di Brescia. Con queste sinergie si raggiungeranno i tre scopi che ci eravamo prefissati, il recupero ambientale, l’inserimento delle persone disagiate con un lavoro qualificato ed il rilancio turistico e culturale di una zona degradata ma ricca di potenzialità”.



In definitiva il progetto è recuperare nello stesso tempo e nello stesso luogo la salute della terra (l’area delle Polle) e della persona ( il malato mentale) e tutto intorno recuperare cascinali e campi, produzioni agrituristiche tradizionali.



Le opere saranno terminate nella primavera del 2004, con una spesa di 2,5 milioni di Euro a carico dell’Azienda ospedaliera “Mellino Mellini” di Chiari, della Regione Lombardia e della UE. Nelle aree adiacenti alla Cascina Clarabella e nella ex stalla, saranno promosse attività vitivinicole biologiche, la coltivazione di ortaggi, l’apicoltura, il florovivaismo e l’allevamento di animali da cortile. Iniziative di agriturismo, attività turistiche e culturali completeranno l’attività di recupero della cooperativa.







Stampato da Infranciacorta - Portale Turistico Culturale
http://www.infranciacorta.com

Indirizzo web
http://www.infranciacorta.com/modules.php?name=News&file=article&sid=177